Una dozzina di paesi hanno firmato oggi la convenzione sulla biomedicina

Una dozzina di paesi hanno firmato oggi la convenzione sulla biomedicina

Fino a 19 paesi iscriviti oggi alla convenzione di Oviedo sui diritti umani e la biomedicina, il primo testo giuridico internazionale vincolante progettati per proteggere le persone contro possibili abusi in varie applicazioni biologiche e mediche. Il Consiglio d’Europa, la più antica delle organizzazioni europee, è stata la forza motrice di questo strumento giuridico, con l’obiettivo di un’armonizzazione delle regole di bioetica, in un tempo in cui la ricerca medica internazionale, soprattutto nel campo della genetica e della clonazione, ha raggiunto una soglia così promettente ed emozionante, lo sviluppo della scienza e della conoscenza, in quanto è inquietante.Up.ora c’è stata una mancanza in Europa di una normativa comune in materia e alcuni paesi del continente, addirittura, non hanno le loro leggi su molti aspetti della biomedicina. La convenzione mira ad essere il garante della dignità umana ha la precedenza su qualsiasi altra considerazione, e che i diritti fondamentali di una persona sarà preceduto leader per gli interessi della scienza e della società . Essi possono prevalere quando la sanità pubblica e la sicurezza sono in pericolo o alla prevenzione del crimine o per proteggere i diritti e le libertà dei cittadini.

* Questo articolo è apparso nell’edizione a stampa, venerdì 4 aprile 1997

admin

admin ha scritto 1000 articoli

Navigazione articoli


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>